top of page
Post recenti
Post in evidenza

Pizzagram a Fucecchio!

Una pizzeria che poggia sull’esperienza e la varietà, guardando al presente





Torniamo a parlare nuovamente di pizza e lo facciamo coinvolgendo un cliente storico. Anzi, storicissimo: Melchiorre Barresi!


Una vita intrecciata alla pizza

Melchiorre è cliente GPFOOD da 25 anni e da 25 anni è nel mondo della pizza, affiancato in ogni nuova avventura da Mary Matera. Di locali ne ha passati e vissuti parecchi, potrebbe dire altrettanto dei sacchi di farina e dei forni, i suoi immancabili compagni professionali. Da due anni ha un progetto dal nome originale e dal taglio contemporaneo: Pizzagram a Fucecchio (FI). 






Cos’è Pizzagram

Non è solo una pizzeria da asporto, si può anche consumare sul posto a differenza di quanto avveniva nelle precedenti attività di Merchiorre. Quello che non cambia è la passione per questo lavoro e l’assetto degli impasti. Melchiorre conosce a menadito i gusti della clientela fiorentina e punta a soddisfarli senza esitazione: 

“Negli anni ho mantenuto perlopiù costante il mio impasto, non l’ho mai stravolto. Su Firenze si prediligono le pizze basse, dal cornicione non pronunciato, più croccanti. Diversa è la preferenza del pubblico se ci spostiamo su Livorno. Definirei le mie pizze delle ‘veraci romane’ per la tipologia di impasto pensato proprio per la clientela di maggioranza”. 


Gli impasti

E di impasto parliamo in modo più approfondito, vista la centralità del tema quando si discute di pizza.

“Crediamo nella lievitazione lunga, di 36 ore, perché consente di avere un prodotto digeribile e ricco di profumi - continua Merchiorre. Poi, oltre all’impasto tradizionale, proponiamo svariate tipologie: l’integrale, quello con i cereali, quello alla curcuma e anche il senza glutine”.


Apprezzabile, quanto strategica, la scelta di approcciare al gluten free. Come sapranno la maggior parte di voi, produrre una pizza senza glutine è complesso, richiede molteplici accortezze, ma sul piano dell’offerta per la clientela si hanno risultati notevoli. 

É la dimostrazione di voler soddisfare le esigenze di tutti e di esserne in grado!





Le farciture

Veniamo ora alle farciture. GP FOOD con il proprio assortimento contribuisce con alcuni ingredienti necessari alla realizzazione dell’impasto, ma anche con tante referenze per la farcitura. Ci sono i prodotti più usuali, come salumi e formaggi, e al contempo un ampio repertorio di creme, salse, granelle e condimenti che diventano interessanti topping da adagiare sopra la pizza.

“Cerchiamo di garantire alla clientela sia le pizze tradizionali sia le proposte più creative. Oggi è difficile dire che si preferisca l’una o l’altra, senz’altro dare più possibilità al cliente significa avere maggiori probabilità di soddisfarlo”.





Insomma Pizzagram sta al passo con i tempi adottando, in termini di pizza, un linguaggio comprensibile e per tutti. Offre bocconi reali, no virtuali!



Pizzagram


Comments


Archivio
bottom of page